Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 luglio 2012 7 22 /07 /luglio /2012 23:00
Mentorella 2

 

Possiamo affermare che oggi c’è una crisi del senso festivo e non delle feste. Il problema si manifesta nell’assenza dell’uomo e nella sua estraneità al fatto festivo. L’uomo si atteggia in un modo diverso rispetto alla tradizione anteriore. La perdita della disposizione a far festa ha un profondo significato religioso. Chi è l’uomo religioso, in senso molto generale? E’ colui che situa la propria esistenza in una cornice storica e cosmica molto più vasta. E’ colui che si considera in un contesto in cui ci sono dei valori, in cui c’è un’origine e c’è un destino. Egli si considera parte di un tutto più grande, cioè di una storia più ampia nella quale si sente chiamato ad avere un ruolo. I riti, i canti, i gesti festivi legano l’uomo a questa storia, perché lo aiutano a situarsi nel vissuto concreto.

 

Ciò spiega il perché senza autentiche occasioni festive e senza il sostentamento della fantasia celebrativa, lo spirito e la psiche dell’uomo tendono a deteriorarsi. La mancanza del senso festivo può spiegare, in parte, il malessere, il tedio e la noia di molti dei nostri contemporanei. Infatti, la celebrazione festiva, ben gestita, mette in moto un insieme di ricordi, di speranze collettive e di valori che danno senso alla vita. Quando il senso del celebrare la festa scompare, viene meno anche l’insieme di questi punti di riferimento. Oggi sembra che qualcosa, in questo senso, si stia deteriorando. Le stesse feste cristiane non hanno più la vitalità di un tempo. I condizionamenti attuali, a cui è assoggettata la celebrazione della festa cristiana, sono molteplici. Ne indichiamo brevemente alcuni di natura socio-culturale.

 

Nella nostra cultura post-moderna si parla del ritorno del sacro, non nel senso dovuto, ma nel senso sincretistico, con radici cosmico-vitalistiche e naturalistiche, che lasciano intravedere una sorta di miscuglio tra diversi credi religiosi. Nasce, così, un tipo di festa neo-pagana, con riti, musiche e modelli di comportamento. Questa voglia di far festa, inizialmente è positiva perché recupera alcune delle dimensioni antropologiche della festa, ma diventa ambigua e pericolosa nella misura in cui colloca l’uomo nella vaga dimensione sacrale e cosmica, impedendogli di esprimere la propria identità personale e la propria vocazione trascendente.

 

Un’altra insidia viene da una società che privilegia il profitto economico, per cui le feste non sono più al servizio dell’uomo, ma della produzione. Il bisogno di far festa viene quindi dirottato talvolta verso soluzioni “utilitarie”. Non è, poi, infrequente nella nostra società interpretare la festa in un modo molto riduttivo, cioè considerarla semplicemente come vacanza, tempo libero o relax. La vera festa, secondo alcuni, è “il non far niente”. Anche questa mentalità – tra l’altro molto diffusa – è ambigua perché confonde la festa con un tempo vuoto. Notiamo a questo proposito, che i tempi di riposo o di vacanza sono in parte modellati dalle stesse feste cristiane che esercitano su di essi un effetto ambiguo. La festa si riduce al semplice sentirsi liberi dal peso e dai fastidi della vita quotidiana e al semplice bisogno di evasione. Questo fenomeno è particolarmente evidente nella concezione che oggi si ha in alcuni ambienti della domenica.

 

M. A.

 

 

Condividi post

Published by Romanus - in Anno liturgico
scrivi un commento

commenti

Angelo 07/23/2012 23:50

Grazie prof. Augé per questa riflessione.

Sara 07/23/2012 10:51

Anche io, per adesso continua a vincere Nietzsche il post moderno annullando il cristianesimo torna a Dioniso.

Catechista 07/23/2012 09:52

Condivido, prof.
Saluti

Presentazione

  • : Blog di Matias Augé
  • Blog  di Matias Augé
  • : Il mio blog intende far conoscere la liturgia della Chiesa per meglio celebrarla e viverla
  • Contatti

Liturgia e Chiesa

 

 LA LITURGIA INTRODUCE IN  UNA ESPERIENZA RELIGIOSA VISSUTA NELLA FEDE
E NELLA COMUNIONE ECCLESIALE

Decalogo per intervenire: 
1. Prima di scrivere un commento leggi con attenzione il post.

2. Il tuo commento non si sposti dall’argomento del post.

3. Scrivi con sincerità, completezza e chiarezza la tua opinione.

4. Non dilungarti in dismisura nei commenti.

5. Controbatti le opinioni degli altri con argomenti.

6. Non insultare, giudicare o umiliare chi non la pensa come te.

7. Non cercare di svelare il nickname degli altri.

8. Non adoperare parole volgari.

9. Non pretendere di avere l’ultima parola nel dibattito.

10. Chi non indica la email non ha diritto di prendere la parola.

Cerca

Promemoria

 

Statistiche contatore attivato in data 02-06-2011 alle ore 15

 

Inserzioni

Articoli Recenti

  • DOMENICA XXIII DEL TEMPO ORDINARIO ( B )
    Loda il Signore anima mia Is 35,4-7°; Sal 145 (146); Gc 2,1-5; Mc 7,31-37 Il Sal 145 è un inno si gioia e di lode in onore del Dio fedele e liberatore. Con poche pennellate concise il salmista esalta con crescente afflato lirico le opere compiute dal...
  • Commissione liturgica presso la Congregazione Orientale
    Città del Vaticano, 01 Settembre 2015 Questa mattina, Papa Francesco ha rinnovato la Commissione Speciale per la Liturgia presso la Congregazione per le Chiese Orientali. La Commissione risulta quindi composta dal presidente mons. Piero Marini, arcivescovo...
  • Tradizione e modernità: intervista sul Sinodo sulla famiglia
    di Andrea Grillo E’ apparsa sul blog della rivista IHU –on line una intervista sul prossimo Sinodo sulla famiglia (http://ihu.unisinos.br/entrevistas/546208-sinodo-sobre-a-familia-entre-a-tradicao-e-a-modernidade-entrevista-especial-com-andrea-grillo)...
  • DOMENICA XXII DEL TEMPO ORDINARIO ( B )
    Chi teme il Signore abiterà nella sua tenda Dt 4,1-2.6-8; Sal 14 (15); Gc 1,17-18.21b-22.27; Mc 7,1-8.14-15.21-23 Gli antichi rabbini vedevano nel breve Sal 14 un compendio dell’intera legge data da Dio al popolo mentre saliva dal deserto verso la terra...
  • L’OFFERTORIO DELLA MESSA NELLA LITURGIA ROMANA
    Nel Messale di Pio V e nelle sue successive edizioni fino a quella del 1962, le preghiere dell’offertorio rivelano una concezione sacrificale della Messa molto accentuata (1). La soppressione della maggior parte di queste preghiere nel Messale del 1970-2002...
  • DOMENICA XXI DEL TEMPO ORDINARIO ( B )
    Gustate e vedete com’è buono il Signore Gs 24,1-2a.15-17.18b; Sal 33 (34); Ef 5,21-32; Gv 6,60-69 Per la terza domenica consecutiva, il salmo responsoriale è tratto dal Sal 33, che ci ha accompagnati nella lettura del capitolo 6 di san Giovanni sul pane...
  • Il tetrafarmaco di Pierangelo Sequeri per il Sinodo
    di Andrea Grillo Nella bella sintesi offerta da Maria Elisabetta Gandolfi, sul n. 5 del Regno 2015, con il titolo “Fidarsi” (p.306), appaiono le conclusioni che P. Sequeri ha tratto alla fine del Convegno di Milano dello scorso maggio. Potremmo considerarle...
  • DOPPIO USO LITURGICO IN RUSSIA
    Caro p. Matias, chiedo ospitalità per segnalare brevemente un caso poco o mal conosciuto di doppia osservanza liturgica all’interno della stessa Chiesa e, in particolare, le norme che ne regolano l’applicazione. La Chiesa è quella ortodossa russa dove...
  • DOMENICA XX DEL TEMPO ORDINARIO ( B )
    Gustate e vedete com’è buono il Signore Prov 9,1-6; Sal 33 (34); Ef 5,15-20; Gv 6,51-58 Anche in questa domenica, in cui proseguiamo la lettura del capitolo 6 di san Giovanni sul pane della vita, ci vengono riproposti alcuni versetti del Sal 33. Como...
  • ASSUNZIONE DELLA B. V. MARIA
    Messa vespertina nella vigilia Sorgi, Signore, tu e l’arca della tua potenza 1Cr 15,3-4.15-16; 16,1-2; Sal 131 (132); 1Cor 15,54b-57; Lc 11,27-28 I due versetti del Vangelo di Luca che vengono proposti come lettura evangelica di questa messa vespertina...

Bibliografia

Concili e Padri

    Decreti Concilii
   

La Chiesa ha sempre avuto il potere di stabilire e modificare nell’amministrazione dei sacramenti, fatta salva la loro sostanza, quegli elementi che ritenesse più utili per chi li riceve o per la venerazione degli stessi sacramenti, a seconda delle diversità delle circostanze, dei tempi e dei luoghi (Concilio di Trento, Ses. XXI, cap. II)

La liturgia consta di una parte immutabile, perché di istituzione divina, e di parti suscettibili di cambiamento, che nel corso dei tempi possono o anche devono variare, qualora in esse si fossero insinuati elementi meno rispondenti all’intima natura della stesa liturgia, o si fossero resi meno opportuni (Concilio Vaticano II, Costituzione Sacrosanctum Concilium, n. 21)

 

 

     
 

        Paolo VI

PAOLO VI NEL CONCISTORO DEL 24.05.1976:

 

“[…] Si osa affermare che il Concilio Vaticano II non è vincolante; che la fede sarebbe in pericolo altresì a motivo delle riforme e degli orientamenti post-conciliari, che si ha il dovere di disobbedire per conservare certe tradizioni. Quali tradizioni? È questo gruppo, e non il Papa, non il Collegio Episcopale, non il Concilio Ecumenico, a stabilire quali, fra le innumerevoli tradizioni debbono essere considerate come norma di fede! Come vedete, venerati Fratelli nostri, tale atteggiamento si erge a giudice di quella volontà divina, che ha posto Pietro e i Suoi Successori legittimi a Capo della Chiesa per confermare i fratelli nella fede, e per pascere il gregge universale, che lo ha stabilito garante e custode del deposito della Fede.

 

E ciò è tanto più grave, in particolare, quando si introduce la divisione, proprio la dove congregavit nos in unum Christi amor, nella Liturgia e nel Sacrificio Eucaristico, rifiutando l’ossequio alle norme definite in campo liturgico. È nel nome della Tradizione che noi domandiamo a tutti i nostri figli, a tutte le comunità cattoliche, di celebrare, in dignità e fervore la Liturgia rinnovata. L’adozione del nuovo “ Ordo Missae ” non è lasciata certo all’arbitrio dei sacerdoti o dei fedeli: e l’Istruzione del 14 giugno 1971 ha previsto la celebrazione della Messa nell’antica forma, con l’autorizzazione dell’Ordinario, solo per sacerdoti anziani o infermi, che offrono il Divin Sacrificio sine populo. Il nuovo Ordo è stato promulgato perché si sostituisse all’antico, dopo matura deliberazione, in seguito alle istanze del Concilio Vaticano II. Non diversamente il nostro santo Predecessore Pio V aveva reso obbligatorio il Messale riformato sotto la sua autorità, in seguito al Concilio Tridentino [...]"

 

 

 

Benedetto XVI

“...Dopo la Prima Guerra Mondiale, era cresciuto, proprio nell’Europa centrale e occidentale, il movimento liturgico, una riscoperta della ricchezza e profondità della liturgia, che era finora quasi chiusa nel Messale Romano del sacerdote, mentre la gente pregava con propri libri di preghiera, i quali erano fatti secondo il cuore della gente, così che si cercava di tradurre i contenuti alti, il linguaggio alto, della liturgia classica in parole più emozionali, più vicine al cuore del popolo. Ma erano quasi due liturgie parallele: il sacerdote con i chierichetti, che celebrava la Messa secondo il Messale, ed i laici, che pregavano, nella Messa, con i loro libri di preghiera, insieme, sapendo sostanzialmente che cosa si realizzava sull’altare. Ma ora era stata riscoperta proprio la bellezza, la profondità, la ricchezza storica, umana, spirituale del Messale e la necessità che non solo un rappresentante del popolo, un piccolo chierichetto, dicesse “Et cum spiritu tuo” eccetera, ma che fosse realmente un dialogo tra sacerdote e popolo, che realmente la liturgia dell’altare e la liturgia del popolo fosse un’unica liturgia, una partecipazione attiva, che le ricchezze arrivassero al popolo; e così si è riscoperta, rinnovata la liturgia...” (Benedetto XVI, Discorso ai Sacerdoti romani 14 febbraio 2013)

 

 

 

 

 

 

 

Eventi e libri

    

 

 

 

    Sodi-libri-1.jpg 

 

 

 

 

Sodi-libri-3.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
 
 

Riviste